Joomla TemplatesJoomla HostingWeb Hosting
Acqua e città
Google Analytics
Gallerie fotografiche
Home Canale Brentella Adige

Adige

L'Adige nasce presso il Passo Resia in Val Venosta a quota 1586 metri e sfocia presso Chioggia a Porto Fossone, ed è il secondo fiume italiano dopo il Po con i suoi 410 km di lunghezza, il terzo per ampiezza del proprio bacino (12200 kmq) dopo Po e Tevere.

Attraversa Merano, Bolzano, Trento, Verona, Legnago, Cavarzere. A Verona venne pesantemente irregimentato dopo la disastrosa piena del 1882, con anche la chiusura di un ramo antico detto ramo dell'Acqua Morta, un ramo del fiume che delimitava una sorta di isola.

Molto importante dal punto di vista morfologico del fiume la chiusa, una forra larga un centinaio di metri, lunga meno di due chilometri, che è la porta del fiume verso la pianura, una forma recente legata all'ostruzione dell'antico sbocco vallivo dovuta ai depositi morenici che costituivano l'anfiteatro di Rivoli veronese.

In epoca romana la sua idrografia variò considerevolmente; Plinio il Vecchio parla del fiume "che scende dalle Alpi Tridentine" e che una parte delle sue acque, unita al Togisonus, da' vita allo scalo portuale di Brondolo (portus Brundulum) sul Mare Adriatico, e che nella parte terminale le sue acque si mescolano a quelle del Po.

L'Adige quindi nasceva, come oggi, dalle Alpi tra il passo di Resia e la sella di san Candido, scorrendo lungo la val Venosta, per poi piegare ad Est verso Merano, incontrava l'Isarco presso Bolzano, incontrava Egna, Salorno, Trento, e, percorsa la val Lagarina, usciva in pianura verso Verona.

Uscito da Verona a sud di Albaredo d'Adige si divideva in due rami, uno da Badia rettilineo fino al Canal Bianco lungo l'attuale Adigetto (Badia, Lendinara, Villadose, Rovigo), l'altro per Minerbe, Bevilacqua, Montagnana, Este, Brondolo, ove è ancora rintracciabile una fascia dossiva, legata all'interramento dell'alveo fluviale.

La foce medievale era all'altezza di Cavanella d'Adige, in corrispondenza della Statale Romea, con un apparato deltizio a Nord di Loreo tra Cavanella e san Pietro di Cavarzere; un palealveo è rinvenibile da Adria a Tornova - Volto di Rosolina, legato al nucleo romano di Corte Cavanella di Loreo (la mansio Tossis della Tabula Peutingeriana). Il litorale avanzò a partire dal XII secolo, a causa del nuovo corso del Po  che andava al mare alle Fornaci di Donada originando un delta lobato.

Nel 1438 è la cosiddetta rotta del Castagnaro, forse su intervento umano, che apriva sulla destra dell'Adige una ramificazione che intercettava il corso del Tartaro portandovi le acque chiare alpine, tanto da fargli mutare il nome in Canal Bianco. Tali diversivi impoveriscono il corso principale che aumenta il deposito solido sul fondo e crea la necessità di rialzare gli argini.

L'aspetto attuale sembrerebbe definito dopo la rotta della Cucca (589 d.C.), quando tutte le acque dell'Adige si riversarono nel ramo di Legnago, spostando la foce verso Sud.

Nel Settecento fu oggetto di numerose rettifiche e tagli di meandro.

Nel 1858 l'Adige venne deviato fuori dall'abitato di Trento (lambiva la Torre Verde) e molti tagli di anse vennero fatti a valle di Merano, accorciando di 8 km il corso del fiume, e diminuendone l'alveo da 80 a 60 metri.

Nel 1838 venne definita l'inalveazione del tronco inferiore, con circa 9 km di tagli di anse nell'area di Cavarzere, ancora visibili nell'aerofotogrammetria. I muraglioni di Verona vennero innalzati tra il 1889 e il 1894.

L'Adige ebbe piene rovinose nel 1882, nel 1966 e nel 1981.

Nella prima metà del XX secolo venne costruito un condotto tra l'Adige, in località Mori, e il lago di Garda per scolmare in lago le acque di piena del fiume; tale travaso venne usato raramente a causa della differenza di temperatura e qualità delle acque. Tale condotto in ogni caso convoglia circa 500 mc/sec e misura 11 km. Durante la piena del 1966 ha sottratto 67 milioni di mc d'acqua.

(Fontei principali: AA VV, Adige - Il fiume gli uomini la storia, CIERRE, 2005 e Otto fiumi, sezione Adige)

 

Ultimo aggiornamento (Giovedì 29 Dicembre 2011 10:47)